6 Accortezze Da Tenere A Mente Con Una Doccia Walk In (E Come Evitare Di Sbagliare)

Spesso quando viaggiamo e ci fermiamo qualche giorno in albergo, rimaniamo affascinati dalle soluzioni di arredo che utilizzano nelle stanze e nei bagni, e spesso pensiamo a quanto sarebbe bello replicare quelle soluzioni proprio in casa nostra. Una di queste soluzioni è la parete doccia walk in, soluzione che racchiude in se sia il design che la praticità di utilizzo.

Tuttavia quando si esplora questa soluzione con la ditta di ristrutturazione non sempre si trova lo stesso entusiasmo ed alcune volte portano obiezioni del tipo:

  • "con una walk in ti troverai il pavimento pieno d'acqua"
  • "Avrai freddo lì dentro senza un box doccia completamente chiuso"
  • "non hai abbastanza spazio per una parete walk in"
  • "Il tuo bagno è al secondo piano, non sono sicuro si possa fare..."

Molti clienti, dopo aver ricevuto queste obiezioni, ci chiamano chiedendoci se è realmente così e devono abbandonare la loro idea oppure possono continuare a valutarla.
Sebbene ci piacerebbe che la risposta fosse univoca, non esiste una soluzione unica a tutte le obiezioni, se non l'unica "legge" universale:

Un angolo doccia progettato male = Un angolo doccia inefficiente

Di seguito proviamo ad analizzare le 6 più comuni obiezioni nei confronti delle docce walk in per evitare di commettere errori.

1.Pensi di non avere abbastanza spazio per una walk in

Questo è l'errore più comune. Troppi pensano che per avere una doccia walk in serva un bagno grande quando in realtà non è così. Puoi sicuramente installare una walk in nei bagni più piccoli, SE sei disposto ad avere un design più aperto. Potrai addirittura inserirla nello spazio in precedenza occupato da una vasca. Di norma questi spazi hanno lunghezza variabile da 150cm a 180cm e larghezza da 60cm a 80cm. Le pareti doccia walk in partono da 70cm, quindi lo spazio è assolutamente adeguato!

bagno-piccolo-con-doccia-walk-in

 

2.Il soffione della doccia che usi non è adeguato o è posizionato male e l'acqua esce fuori

Il tipo di soffione (e la sua posizione) è molto molto importante. E' chiaro che se il soffione è diretto verso l'apertura della doccia, il risultato sarà di avere acqua sul pavimento del bagno! Se stai progettando una walk in per uno spazio piccolo assicurati di usare un soffione a pioggia che rivolga il getto verso il basso e non uno di quei soffioni a pressione puntati verso il corpo, ridurrai decisamente le fuoriuscite di acqua.

walk in con soffione verticale

3.Avrai troppo di te "in mostra" con un vetro doccia trasparente

Se non ti piace perdere la privacy nel momento della doccia è bene usare alcune accortezze. Puoi per esempio non mettere l'angolo doccia frontale alla porta del bagno, ma laterale e con ingresso dalla parte opposta, in questo modo avaria un pò più di privacy. Oppure usare una parete walk in serigrafata o fumè in modo da avere meno trasparenza e più protezione. Oppure puoi valutare l'uso di materiali alternativi come costruire la parete in vetro cemento, con questa soluzione otterrai comunque luminosità e privacy.

doccia walk in in vetro cemento

4.La parete walk in lascia il pavimento bagnato

Nessuno vuole pozzanghere di acqua sul pavimento, ma questo è esattamente ciò che può succedere se il tuo pavimento e la tua doccia non sono livellati correttamente. Peggio ancora se l'acqua trafila nel pavimento o defluisce verso i mobili del bagno, può essere un enorme problema!

Ecco alcuni consigli per evitare che questo avvenga:

  • Se stai realizzando una doccia a filo pavimento assicurati che tutto il piano della pavimentazione venga impermeabilizzato adeguatamente, in modo da evitare trafili di acqua nel pavimento.
  • Se il piatto doccia è un'unica cosa con il pavimento, assicurati di dargli la giusta pendenza. Se utilizzi un piatto doccia moderno, assicurati che abbia la pendenza verso lo scarico. Puoi anche scegliere un piatto doccia in marmoresina a basso profilo, antibatterico e super elegante in diversi colori per dare carattere al tuo angolo bagno.

5. Vedi una bellissima doccia walk in rivestita in mosaico, ma dopo qualche tempo le mattonelle sembrano invecchiate e sporche

Gli angoli bagno piastrellati a mosaico sono molto belli da vedere, ma con il tempo tra le fughe del piano doccia si accumula lo sporco, e sarete costretti ad una pulizia antipatica e scomoda. Ecco due idee per aggirare il fastidio:
  • Utilizza una canalina di scarico. La canalina di scarico consente di utilizzare piastrelle più grandi per il rivestimento, con il vantaggio di ridurre le fughe da pulire.
  • Utilizza un sistema di rivestimento non stuccato. Sì esatto, in commercio esistono rivestimenti specifici per ambienti umidi che non prevedono stuccature.

6.Avrai freddo nella doccia

Sicuramente il vantaggio di un box doccia chiuso è quello di mantenere il calore dell'acqua mentre ci si fà la doccia, mentre una doccia walk in, per sua natura, ha un lato aperto che permette al calore di fuoriuscire. Come fare quindi per poter avere entrambi i vantaggi, ossia una doccia calda e una parete walk in?
  • se stai rifacendo il bagno da zero valuta di installare il riscaldamento a pavimento anche sotto il piatto doccia, ti aiuterà a mantenere una temperatura confortevole.
  • puoi anche scegliere una parete walk in con un deflettore finale, che occuperà una parte dell'apertura ed eviterà dispersione di calore mantenendo più vapore all'interno.

Ora che abbiamo analizzato le 6 più comuni obiezioni alla parete doccia walk in hai tutte le informazioni per scegliere in totale autonomia se portare avanti con orgoglio il tuo progetto di design.

Se hai domande specifiche contattaci e saremo lieti di aiutarti!

Shopbagno.it

Arredo bagno modernoConsigliDocciaNuove tendenzeRistrutturazione